Balconi e terrazzi in condominio



Esistono diversi tipi di balconi che assumono denominazioni differenti secondo la posizione in facciata e la loro funzione. Questa classificazione determina anche la ripartizione dei costi.

La prima tipologia è il balcone aggettante: sporge dalla facciata. In questo tipo di balcone viene considerato proprietario il condominio che lo utilizza e questo dovrà quindi pagare tutte le spese relative. Poi c’è il balcone a castello, che è invece, integrato nella facciata e sovrastante altri balconi. In questo caso le spese sono a carico di chi utilizza il balcone, ma con un eccezione: poiché la struttura di questo è parte di quella dell’edificio, se occorre rifarla, la relativa spesa spetta all’intero condominio, in proporzione ai millesimi di proprietà.

Un altra tipologia di balcone è la balconata a ringhiera comune: le spese vanno divise tra coloro che se ne servono, sempre calcolando ciascuna quota secondo i relativi millesimi di proprietà. Fanno eccezione a questa regola solo le balconate che hanno funzione di transito anche per altri condomini.

La terrazza a livello è, invece, quel particolare lastrico solare che non copre tutto l’edificio, ma solo una parte. L’utilizzatore paga un terzo delle spese; i rimanenti due terzi sono suddivisi in base ai millesimi di proprietà solo tra quei condomini le cui abitazioni risultano sotto la proiezione geometrica del terrazzo per i quali la terrazza funziona da tetto.

Infine, il lastrico solare che è il terrazzo che fa da copertura all’edificio. I criteri di ripartizione sono stabiliti dall’art. 1126 del Codice Civile: le spese di manutenzione ordinaria, dei parapetti e di tutto ciò che è posto sul terrazzo competono a che lo ha in godimento. Le spese di riparazione e ricostruzione vanno invece divise: un terzo al proprietario e due terzi al condominio, escluso il proprietario del terrazzo, secondo i millesimi di proprietà. I danni più diffusi, oltre al tempo e all’azione degli agenti atmosferici, anche gli errori di progettazione possono provocare spiacevoli danneggiamenti. Quasi sempre è possibile porre rimedio utilizzando prodotti specifici e rivolgendosi a personale qualificato e abilitato.

Author: Webmaster

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *