Gradini rampanti



Si assemblano sul posto, senza interventi murari e oggi sono sempre più su misura e personalizzabili. La scala interna può essere scelta tra ampia varietà di finiture, componenti e accessori.

Nel modello Rintal gradini e struttura sono realizzati in legno di faggio multistrato. Nella versione monostruttura esiste in larghezze da 63 a 103 cm. Novalinea oltre al legno utilizza altri materiali per uno stile personalizzabile a piacere. La scala viene assemblata a partire da un kit base che prevede una struttura metallica, alzate e fianco in multistrato. Proposta con rivestimento in resina, ma è disponibile in altre varianti quali pittura, marmo, legno e ceramica. La larghezza massima è di 120 cm, l’altezza di 336 cm o 408 cm.

La scala in cristallo di Valentino Borghesi è di un design moderno con una nota di eleganza e raffinatezza. È autoportante con gradini realizzati in vetro stratificato acidato rifinito a filo lucido con striscia sabbiata antiscivolo. I parapetti in vetro sono appoggiati sui gradini e al soffitto tramite appositi sostegni in acciaio inox satinato. Forma e spazio sono gli elementi principali che determinano la scelta di una scala. Oltre al dislivello da coprire, si deve tener conto del volume, di conseguenza della superficie a terra, e del peso.

La tipologia che fa risparmiare più spazio è quella a chiocciola, con montante centrale e gradini disposti a ventaglio. Esistono poi diversi modelli a rampa, i più utilizzati negli ambienti interni sono quelli a due rampe ad angolo, ciascuna con lo stesso numero di gradini, uguali tra loro e interrotti da un ripiano intermedio. I modelli attuali propongono un’ampia scelta di materiali, forme e finiture.

La novità è che spesso la maggiori aziende mettono a disposizione delle applicazioni, sui loro siti, per configurare la propria scala on-line. Stampato il progetto con il relativo preventivo, ci si può recare dal rivenditore più vicino, dove un esperto ne verificherà le condizioni di fattibilità, in base anche a requisiti di sicurezza e stabilità

Author: Webmaster

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *