Risistemare le porte interne



La verniciatura dei serramenti in legno è un intervento indispensabili per una corretta manutenzione, ma ha anche un valore estetico perché si può cambiare aspetto a un ambiente variando il colore delle porte o giocando su accostamenti diversi per anta e stipite. E’ un’operazione che si esegue normalmente su vecchi serramenti laccati o verniciati, mentre non si adatta ai modelli nuovi in essenza o a quelli con le venature del legno a vista.

In genere si impiega lo smalto, meglio quello all’acqua che è inodore. Prima di procedere è necessario preparare la superficie e proteggere il pavimento con teli. Inoltre, vanno rimosse le maniglie e con lo scotch di carta bisogna coprire le parti di muro e la ferramenta della porta che potrebbero sporcarsi durante il lavoro. Dopodiché, l’obiettivo è quello di eliminare qualsiasi traccia di sporco dalla superficie del legno. Si può utilizzare una spugna imbevuta in acqua calda con qualche goccia di ammoniaca che sgrassa o, in alternativa, esistono appositi solventi che facilitano l’operazione. Per fare aderire la nuova vernice occorre poi intervenire con carta vetrata a grana fine oppure, se il precedente strato di smalto è stato danneggiato, si possono usare spatole, sgorbie, spazzole o sverniciatori. Una volta eliminate tutte le tracce, si lava con il solvente.

Quando sono presenti fessure e altri difetti, è indispensabile stuccare e, in seguito, carteggiare lo stucco in eccesso. Considerato che più il supporto è liscio, migliore sarà l’aderenza dello smalto, può essere utile stendere una prima mano di pittura di fondo a solvente o all’acqua a seconda del tipo di smalto che si sceglie. Quando questo strato è asciutto (in media dopo 5-6 ore), è bene uniformare carteggiando nuovamente. A questo punto si può procedere con lo smalto finale: normalmente sono indispensabili almeno due mani. Per questo tipo di intervento sono indicati i pennelli piatti, ma è utile munirsi anche un pennello angolato per raggiungere gli stipiti e i punti più difficili.

Author: Webmaster

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *