Traslochi: risparmia tempo e fatica



Tre consigli utili per un trasloco efficace.

  1. Primo consiglio: essere super organizzati
  2. Secondo: scegliere una ditta specializzata e onesta
  3. Terzo: armarsi di pazienza, perché anche con l’aiuto dei professionisti molto rimane comunque sulle nostre spalle.

Lo stress che si accumula durante un trasloco mette sempre a dura prova ma una programmazione dettagliata può essere d’aiuto. La prima cosa da fare è quindi pianificare punto per punto senza dimenticare nulla. Sarà anche il modo migliore per risparmiare qualcosa nel caso si decida di fare da soli. Infatti, decidere quale trasloco scegliere se quello fai da te o rivolgersi ad una ditta cambia molto la spesa da mettere in preventivo. La voglia di risparmiare non deve essere però l’unico fattore da valutare, perché in molti casi la perdita di tempo, la fatica e la scomodità da affrontare consiglia ad una valutazione più articolata delle due opzioni.

Ma quand’è che conviene traslocare col fai da te? Conviene quando non si devono trasportare mobili o elettrodomestici da una casa all’altra, quando il materiale da spostare può essere anche parecchio ma il mobilio da smontare e rimontare non è molto, la distanza tra le due abitazioni non è eccessiva, l’accesso agli appartamenti è molto agevole (residenza a piano terra, stabile dotato di montacarichi) e ovviamente quando si è in perfetta forma fisica e si ha una certa disposizione per l’attività di bricolage compreso lo smontaggio dei mobili.

Quand’è invece che non conviene. Quando il tempo è un fattore molto importante il fai da te deve essere evitato e quindi una ditta specializzata si può occupare del trasloco in una sola giornata, non si ha esperienza di montaggio o smontaggio dei mobili (infatti le aziende specializzate hanno un personale addestrato e propongono polizze assicurative per gli eventuali danni), oppure gli arredi sono tanti e l’abitazione è poco accessibile a causa di scale strette, piani alti e così via, ed infine quando non ci si può occupare delle pratiche burocratiche come l’occupazione del suolo pubblico per eventuali elevatori o ponteggi.

Author: Webmaster

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *